report 0309

Si è disputato ieri sera il secondo torneo “speciale” di queste WSOP Online, per la precisione quello più votato dagli stessi giocatori delle Series. Il risultato è stato questo #80 NLH 6-Handed da $600 di buy in, che ha portato ai tavoli oltre 2.400 player, tutti messi in fila dal vincitore, l’americano Jeffrey Dobrin. Vediamo com’è andata allora. Se volete invece sapere quali sono stati tutti i vincitori WSOP Online fino a questo momento, date un occhio al nostro articolo riepilogativo di tutti i vincitori del braccialetto!

 

WSOP #80 HLH 6-Handed $600

Erano 2.408 per la precisione, generando un montepremi che ha superato di gran lunga 1.3 milioni di dollari. Un bottino interessante che non a caso anche in questo caso ha portato ai tavoli molti dei grinder più noti del circuito live e online, alla ricerca di gloria e degli ultimi braccialetti in palio in queste lunghe e inedite WSOP virtuali.

E non si può dire che siano mancati gli spunti al rush del final table. Malgrado tanti nomi interessanti, non c’è dubbio che sia stata la presenza di Chris “Jesus” Ferguson a catalizzare l’attenzione di un primo momento. Il vecchio leone aveva già mostrato di poter dire la sua nel torneo di ieri, l’Heads Up da 25k$, finito solo a un passo dai premi, e anche ieri sera si è decisamente ben comportato confermando come la “vecchia guardia” sia ancora ben lontana dall’abdicare. Certo l’uscita in nona posizione non può accontentare totalmente, e quell’hero call con asso carta alta (andato decisamente male) è stato il punto di svolta definitivo per mettere fine al suo torneo.

Gli altri due grandi protagonisti sono stati invece Vahe Martirosyan e Jeffrey Dobrin. Il primo, armeno con già diverse vincite alle spalle, sembrava poter dominare le fasi conclusive del torneo, quando ormai a soli 4 left aveva davanti più della metà delle chips in gioco.

Ma nel poker si sa, niente è finito finchè non è finita. E infatti proprio Dobrin, che si era presentato comunque da chipleader al final table salvo poi perdere un po’ di terreno nelle prime fasi, è tornato alla ribalta cambiando letteralmente marcia di gioco.

E’ proprio l’americano alla fine a portarsi a casa il torneo, i quasi 190 mila dollari di prima moneta, il pacchetto per giocare le WSOP Europe e naturalmente, il tanto sognato braccialetto. E in questo caso era sognato davvero da molto tempo, perchè Dobrin è un vero e proprio abituè delle WSOP.

Già due anelli del circuito WSOP vinti nel 2012 e nel 2016, diversi piazzamenti ITM nelle Series a Las Vegas (anche un quarto posto in un final table) e in questi eventi Online (che ha giocato praticamente al completo), aveva già ottenuto almeno 15 piazzamenti anche se non era mai arrivato così deep.

Place Player Country Prize
1 Jeffrey Dobrin USA $189,666
2 Idris Ambraisse France $144,998
3 Vahe Martirosyan Armenia $104,255
4 Joao Santos Brazil $74,960
5 Marc MacDonnell Ireland $53,897
6 Sergio Veloso Croatia $38,752
7 Arvhin Malinab Canada $27,863
8 Hiroki Morishita Japan $20,034
9 Chris Ferguson USA $14,404

 

I prossimi appuntamenti

Siamo ormai verso le fasi finali di queste WSOP Online, con lo schedule di Simone “Spera91” Speranza che diventa più malleabile e le dirette su Twich potrebbero cambiare nel corso della settimana. Il prossimo appuntamento certo è per sabato prossimo, con l’evento #82 Beat the Pros bounty da $1.050 di buyin, ma non sono escluse sorprese nei prossimi giorni per cui state collegati e seguite i nostri Report sul Blog per essere sempre aggiornati!

Non sei ancora abbonato al nostro canale Twitch?

Clicca qui per registrarti e accedere all’archivio delle trasmissioni passate e ricordati di mettere il follow per ricevere le notifiche ogni volta che saremo online!