report wsop 2020

Se la prima domenica di WSOP Online era passata un po’ in sordina per i problemi che avevano rinviato due tornei su tre, quella di ieri invece ha vissuto una giornata ricchissima di tornei ed emozioni ai tavoli, oltre a qualcosa come 5 braccialetti WSOP assegnati! (e i due eventi COLOSSUS e PLOSSUS fermi al final table che vedremo poi sabato prossimo)

Purtroppo è anche una domenica non molto fortunata per Simone “Spera91” Speranza, che ci ha provato in tutti i modi ma non ha (letteralmente) vinto uno show down utile. Vediamo comunque il resoconto di una giornata davvero “densa” di poker.

 

Una domenica con poca “Speranza”

 

C’era grande attesa, inutile negarlo, visto che tra i tanti tornei in programma erano diversi quelli in chiave WSOP che vedevano protagonista Simone “Spera91” Speranza.

Si tornava al tavolo per il WSOP #33 Every 1 for covid Relief, con un discreto stack di partenza e il desiderio di incrementarlo. Dopo qualche spot positivo però, si è fatta strada l’idea che non fosse una grandissima giornata in quanto a “run”, con spot non molto favorevoli che hanno portato a scendere in blind e giocarsi un flippone per tornare in corsa. A9 per “Spera91” contro 77 dell’avversario e un asso a faccetta che fa ben sperare… poi però c’è subito un 7 dietro che porta all’uscita in 663° posizione.

Qualche gira persa anche al WSOP #48 MILLIONAIRE MAKER ($1500 di buyin per il “flight A”), che ci porta a giocare 30bb in un 3Bet Allin con KQs, snappato però da oppo che gira “solo” Asso Asso (e purtroppo non sarà l’unica volta in serata).

Niente da fare nemmeno al Day2 del WSOP #41 COLOSSUS, dove però se non altro si partiva già da una condizione di 10BB, per cui era necessario in qualche modo provare a giocarseli al meglio. Non è andata benissimo però, perchè l’Asso quattro di Speranza trova contro un AK che tiene fino alla fine e si esce.

A coronare la serata non proprio positiva in termini di show down, anche la beffarda uscita dal “High Roller” (non WSOP però), dove dopo essere stato anche tra i primi del count, si è trovato prima a perdere un cooler da 70bb e poi a uscire definitivamente in un KK vs AJ. Inutile dire che va AJ.

Niente rammarico però e serata subito alle spalle, pronti per la prossima gira.

 

WSOP #33: $1,111 Every 1 for Covid Relief

 

Dopo il rinvio del primo giorno di gare, sono tornati ai tavoli i 2323 player di quello che doveva essere il primo braccialetto WSOP International. Meglio tardi che mai comunque, soprattutto per Alek “astazz” Stasiak che si mette al polso il suo primo braccialetto oltre a rinvigorire il suo bankroll con oltre 340k$ del primo premio.

Torneo dominato almeno nella fase finale, quando dopo le prime mani dell’heads up è arrivato ad avere già il 90% delle chips in gioco.

Da notare come sia stato anche il torneo in cui si sono visti già quasi tutti i grandi nomi attesi in queste WSOP, alcuni finiti anche a premio (come Dario Sammartino, Bertrand Grospellier, Roberto Romanello). Si comincia sempre più a fare sul serio insomma.

Pos. Nome Paese Premio
1 Alek “astazz” Stasiak Canada $343,203.53
2 Martin “colinchow” Ilobera Argentina $246,765.50
3 Harry “Vulvasore” Lodge United Kingdom $177,426.43
4 Abhinav “OBellaCiao” Iyer India $127,571.28
5 David “BatSoup789” Montoya Mexico $91,724.90
6 Evan “NEONPILS99” Parkes Canada $65,951.16
7 Andreas “Addichip” Phouli United Kingdom $47,419.46
8 Stewart “Stew_233” Kilpatrick United Kingdom $34,095.28
9 Norihiro “orzorz” Otani Japan $24,514.89

 

WSOP #32 The Opener $100

 

Sarà invece il braccialetto più “popolare” quello servito nel “The Opener” con soli 100$ di buyin per inseguire il sogno WSOP. Non a caso parliamo di quasi 30 mila ingressi presenti al torneo. Inutile quindi dire che per vincere questo tipo di tornei, c’è bisogno di tante componenti diverse. E deve averle avute tutte Marcelo “Marolo” Jakovljevic Pudla, che pur praticamente assente da risultati live di rilievo (solo una bandierina su Hendon Mob), si può presentare ora come campione del mondo.

Ha di fatto dominato il final table, eliminando ben sette su nove giocatori. Eppure era in svantaggio alla partenza dell’heads up finale, durato però appena 10 minuti per il ribaltone.

Pos. Nome Paese Premio
1 Marcelo “Marolo” Jakovljevic Pudla Brazil $265,880
2 Ronit “Songjoy” Chamani Israel $198,067
3 Dejan “bobkovic” Kaladjurdjevic Montenegro $141,189
4 Ramiro “OnTheFlow” Petrone Argentina $100,644
5 Pablo Silva Brazil $71,742
6 Roberto “Mulooo90” Turrisi Germany $51,140
7 Boban “bobkovic” Zhivkovikj Macedonia $36,455
8 Jonas “LobyPewis” Mackoff Canada $25,986
9 Bret “ShowerTime” Carson Canada $18,524

 

WSOP #39 No Limit Hold’em $1500

 

Programma fitto quello della domenica si diceva, e infatti è stato un susseguirsi di eventi WSOP importanti. Come importante (e storico) è la vittoria di Roberto Romanello, che diventa il nono giocatore al mondo ad aver ottenuto quella che si può definire il “Triple Crown” del poker: vittoria WPT, vittoria EPT e vittoria WSOP.

Ancora più importante perchè ottenuta contro un giocatore forte come Niklas Astedt, che aveva dominato per gran parte il torneo nella fase finale. Ma la pazienza di Romanello (che abbiamo visto più volte rimarcare le sue origini italiane proprio in tornei da queste parti dove aveva sfoggiato anche diverse frasi in dialetto) alla fine ha pagato.

Pos. Nome Paese Premio
1 Roberto Romanello United Kingdom $216,213
2 Niklas Astedt Sweden $156,905
3 Paul Barnes United Kingdom $113,866
4 Aleksandr Trofimov Russia $82,633
5 Thomas Cazayous United Kingdom $59,966
6 Hannes Speiser Austria $43,518
7 Ravali Krishna India $31,581
8 Orkhan Allahverdyiev Azerbaijan $22,918
9 Jeffrey Cormier Canada $16,632

 

WSOP #39 No Limit Hold’em $1500

 

Lotta tutta scandinava invece per il braccialetto dell’Omaha. Vittoria svedese alla fine con Simon Lofberg sul primo gradino del podio e Andreas Torbergsen relegato in seconda piazza.

Proprio Lofberg è stato autore in questi giorni di un altro tavolo finale alle WSOP Online, confermando la sua buona annata, cominciata già a dicembre quando ha piazzato la sua maggiore vincita live con il secondo posto all’EPT di Praga (per quasi 400 mila euro di premio).

Ora oltre ad aggiungere altri 224 mila dollari, può allargare la bacheca mettendo anche il prezioso bracciale di fianco alla picca.

Pos. Nome Paese Premio
1 Simon Lofberg Sweden $224,493
2 Andreas Torbergsen Norway $164,553
3 Shyngis “somebodyelse” Satubayev Kazakhstan $120,617
4 Leon Tsoukernik Czech Republic $88,412
5 Sai Wah “sws79” Shek Hong Kong $64,806
6 Arvi “Catman777” Vainionkulma Finland $47,502
7 Paul Teoh Malaysia $34,819
8 Benjamin “dr100percent” Juhasz Hungary $25,522
9 “Brahman33” Ukraine $18,708

 

WSOP #32 The Opener $100

 

E c’è stato spazio anche per il quinto braccialetto assegnato nella domenica di WSOP, questa volta dedicato ai player americani. Il NLH Grande Finale da $500 ha visto 2502 entries totali (1677 player e 825 rebuy), con un montepremi abbondantemente oltre il 1.1 milioni di dollari.

A portare a casa la sua primissima vittoria è stato Ethan “RampageP” Yau, che ha vissuto una serata davvero particolare per lui. Intanto perchè, a quanto risulta, parliamo di un giocatore decisamente amatoriale, con appena due piccole esperienze live e a suo stesso dire una pratica limitata ai tavoli cash 1$-3$ (peraltro con scarsi risultati).

Ma quando il destino decide che tocca a te, non c’è esperienza che tenga. Tanto che lo stesso Yau si è fatto tutta la cavalcata verso la vittoria in streaming live su Youtube, qualcosa di davvero incredibile. Con un solo problema alla fine: non sapere ora come dire a sua madre che era scappato in New Jersey per giocare a poker online.

Probabile però che i 164 mila dollari messi in banca, aiutino a risolvere la cosa nel migliore dei modi.

Pos. Nome Premio
1 Ethan “RampageP” Yau $164,494
2 Brian “LakersGTD” Patrick $101,669
3 Mohammad “Tmomoney” Mufti $74,647
4 Blake “shampainpopn” Whittington $55,282
5 David “reallytight” Kim $41,321
6 Jason “TATTOOMONEY” Scott $31,075
7 Matt “OMG_Obama” Iles $23,531
8 Joon “jykpoker” Kim $18,014
9 Michael “Mike91680” Guzzardi $13,961

 

I prossimi appuntamenti

 

Dopo la grande scorpacciata della domenica, i tornei torneranno a un ritmo meno indiavolato e con essi anche la diretta su Twitch di In The Zone. Prossimo appuntamento sarà quello di mercoledì, con il WSOP #44 No Limit Hold’em 6-Handed da 2500$ di buyin, torneo veramente molto interessante e con probabilmente un field durissimo, a cui prenderà parte anche Simone “Spera91” Speranza. Serata davvero da non perdere e che potrebbe riservare anche qualche sorpresa nella Live (stay tuned).

Per vedere invece tutti gli altri tornei che disputerà e segnare sul calendario le date importanti, trovi tutte le info nell’articolo dedicato alla SCHEDULE delle WSOP Online!

Non sei ancora abbonato al nostro canale Twitch?

Clicca qui per registrarti e accedere all’archivio delle trasmissioni passate e ricordati di mettere il follow per ricevere le notifiche ogni volta che saremo online!